Vuoi farti pubblicità su questo sito? Vuoi proporre il tuo sito per uno scambio link? Clicca qui

Aprire una gelateria: come fare

Home/Varie/Come aprire una gelateria

Come aprire una gelateria

Aprire una gelateria può rappresentare un buon investimento: il gelato artigianale, infatti, è molto apprezzato in Italia si calcola che ogni italiano consumi mediamente circa 11 kg di gelato all’anno.

Come per ogni attività, grande o piccola che sia, prima di avviare la propria impresa è necessario porre attenzione su diversi aspetti che comprendono la formazione, il luogo dove porre la propria attività, l’investimento necessario, gli adempimenti burocratici, la ricerca di fornitori, quella di eventuali collaboratori e cosi via…

Il primo passo da compiere è la formazione: un buon prodotto, infatti, è alla base del successo commerciale, specie in un settore dove la concorrenza è numerosa come nel caso dei gelati artigianali. In Italia esistono numerose scuole che offrono corsi per gelatiere, reperirne gli indirizzi è molto semplice: basta effettuare una ricerca online. Alla formazione segue la decisione del tipo di attività da intraprendere: oggi sul mercato vi sono molti marchi che consentono l’apertura di punti vendita in franchising. Ciò può consentire un risparmio sul costo dello start up aziendale, nonché la possibilità di avere formazione e affiancamento da parte della casa madre.

Il rovescio della medaglia è costituito dalla cessione di una parte dell’incasso alla casa madre e dalla necessità di adeguare il locale alle precise richieste del marchio prescelto. Nel caso in cui si opti per l’apertura di una gelateria senza il sostegno di un marchio conosciuto bisogna prevedere una serie di incombenze pratiche e burocratiche, alcune delle quali possono essere eseguite con l’aiuto di un commercialista.

Il budget

Prima di avviare la propria attività è bene analizzare tutte le voci di spesa per verificare il costo di avviamento e di gestione. Oltre alle spese relative all’affitto o all’acquisto del locale, al suo adeguamento, se necessario, e ai suoi arredi, bisogna prevedere quelle relative all’acquisto dei macchinari, degli ingredienti e quelle derivanti dal consumo di elettricità.

Il costo di start up si aggira orientativamente intorno ai 100.000 euro, anche se può variare anche considerevolmente in base al tipo di attività si desidera aprire. Prima di avviare l’attività bisogna esser pronti a considerare che ci vorrà qualche anno prima di vedere la propria gelateria ben avviata, per cui può essere preferibile pensare ad un’attività a conduzione familiare e posticipare l’assunzione di personale al momento in cui l’attività sarà decollata.

La scelta del locale

La scelta del locale è di fondamentale importanza per il successo della propria gelateria. Per prima cosa è necessario scegliere la zona della città nella quale aprirla verificando l’eventuale presenza di attività concorrenti e quanto la zona sia frequentata dai pedoni. Un’area pedonale, dedicata al passeggio e allo shopping rappresenta ovviamente il luogo ideale, anche se un locale in questo tipo di zona ha sicuramente costi più elevati. Si può scegliere anche di aprire in una zona più periferica, ma comunque di passaggio, offrendo costi concorrenziali. In questo caso è preferibile accertarsi della possibilità di parcheggiare facilmente l’auto nei paraggi della gelateria.

La dimensione del locale varia in base al tipo di gelateria che si desidera aprire: un luogo dove acquistare semplicemente il gelato o un posto dove accomodarsi a consumarlo. In relazione alle dimensioni in linea di massima bisogna considerare che ad ogni metro lineare di banco devono corrispondere 4 mq di locale. In ogni caso il locale dovrà essere almeno 60 mq considerando anche l’area da dedicare al laboratorio.

La scelta dell’arredamento varia in base ai gusti personali, ma è preferibile scegliere un arredamento in linea con la zona in cui si trova il locale, ad esempio classico in un centro storico, ma soprattutto che dia una sensazione di relax ed igiene. A questo proposito è preferibile scegliere un tipo di illuminazione chiara e colori pastello che aiutino ad enfatizzare i colori e la genuinità dei prodotti venduti.

Gli adempimenti burocratrici

Per quanto riguarda l’apertura di una gelateria, oltre alle licenze necessarie all’apertura di qualsiasi attività commerciale, è necessario adeguarsi alle norme HACCP introdotte con il decreto legislativo n.155 del 1997. Queste norme forniscono un sistema di autocontrollo al quale devono sottostare tutti i produttori di alimenti per garantire l’igiene dei prodotti e prevenire eventuali pericoli.

Vi sono poi altri regolamenti ai quali si può decidere di aderire come quelli relativi alla certificazione di qualità che hanno come riferimento lo standard europeo per l’igiene e la sicurezza alimentare. Una volta assolti tutti i passaggi sopra elencati la gelateria può essere aperta: non resta che farsi conoscere ed apprezzare dalla clientela offrendo un’ampia gamma di prodotti di qualità.

By | 2017-05-16T14:00:44+00:00 16 maggio 2017|Categorie: Varie|Tags: , , |